Progetto di Droni e UAV at-aerospaceservice

Vai ai contenuti

Menu principale:

Gli UAV(Unmanned aircraft o Uninhabitated aircraft) hanno fatto parte dell'Aviazione già prima del 1903 all'epoca del primo volo dei fratelli Wright; infatti, in epoca anteriore, erano già stati numerosi i voli effettuati da velivoli senza pilota ed al giorno d'oggi tramite l'utilizzo di una capacità sempre più crescente del calcolo computazionale hanno subito un forte incremento nel loro utilizzo. Adesso i più recenti aeromobili UAV senza pilota non volano più in tempo reale comandati a distanza da un operatore remoto che manipola un control-stick come un reale pilota a bordo, ma attraverso un sofisticato sistema di controllo computerizzato di volo, utilizza GPS e Satellite volando da solo dopo che l'operatore a terra gli ha fornito i  
parametri di direzione della missione. Intorno al mondo ci sono molti tipi di UAV operativi e molti sono "Target Drones" come il Mach 4 AQM-37; un certo numero di essi ha comunque compiti di sorveglianza o altro. La maggior parte dei progetti degli UAV copre come dimensioni e tecnologia, l'equivalente di un aeromobile (senza pilota) di grandi dimensioni appartenente alla categoria dell'Aviazione Generale anche se alcuni di essi sono altamente sofisticati. Il General Atomic Predator (foto in basso a destra) è un tipico UAV dotato di propulsione ad elica posteriore ed avente una bassa velocità di volo, viene utilizzato per sorvegliare tutti quei posti molto critici intorno al mondo; esso viene costruito principalmente con materiali compositi in maniera molto simile ad un aeromobile autocostruito; pesa circa 864 Kg, vola ad una velocità di 204 Km/h e può operare per un totale di di circa 40 ore; il Predator sotto il continuo controllo dell'operatore,
 trasporta videocamere sia a luce visibile che ad infrarossi e può anche trasportare un radar per il controllo del suolo a terra. L'UAV molto più grande, il Global Hawk con propulsione Jet (foto sopra) è costruito dalla Northrop Grumman è molto simile nel design e nella missione al velivolo senza pilota U2, vola a circa 19812 m di altitudine, per una distanza totale di circa 30680 Km con un peso massimo al decollo di circa 11612 Kg, trasporta un carico di sensori elettronici che includono sensori elettro-ottici, infrarossi, e radar con indicazioni del movimento del target. Il progetto di un UAV è molto simile a quello di un altro aeromobile, a parte alcuni accorgimenti speciali per l'atterraggio ed il decollo e per l'avionica oltre che per i sistemi per il volo senza pilota. Le opzioni per il decollo vanno dall'utilizzo del carrello convenzionale a ruote per atterraggio e decollo, all'utilizzo di rampe di lancio, lancio in aria, da veicoli ed altro. Per
l'atterraggio le possibili opzioni sono il carrello a ruote, paracaduti, airbags, pattini etc.Il fatto che l'UAV non ha equipaggio, anche se da studi effettuati comporta una riduzione del peso lordo di circa il 10-30% rispetto ad un normale aeromobile pilotato, esso richiederà molto più avionica ed anche se si può ridurre la ridondanza dei sitemi, l'affidabilità ed i margini di resistenza strutturale rispetto all'aeromobile con pilota, occorre comunque considerare la sicurezza anche delle persone a terra anche perchè un UAV che non può operare sopra aree abitate è di scarsa utilità. Comunque un UAV da combattimento è anche concepibile potendo avere in g-limit doppio o anche superiore di quello tollerato dall'essere umano. Altre tipologie di Droni, di più piccole dimensioni, sono i VTOL UAV (Vertical Take-Off and Landing) Multicotteri/Multirotori, Quadricotteri, Esacotteri e Ottacotteri. Il nostro Studio Tecnico è a disposizione per tutta l'assistenza tecnica necessaria per la progettazione e le modifiche dei Droni anche autocostruiti, anche con la consulenza tecnica relativa all'utilizzo dei materiali compositi (fibra di Carbonio, fibra di Vetro, fibra di Kevlar etc.).
 
Torna ai contenuti | Torna al menu