Controllo del Rumore nelle Cabine degli Elicotteri at-aerospaceservice

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il rumore prodotto da un elicottero presenta differenti tipologie di sorgenti di rumore che si possono riassumere in: rumore prodotto dal rotore principale (rumore causato dallo spostamento periodico dell'aria durante ogni giro e si propaga nel piano del rotore e rumore prodotto dalla pala rotante del medesimo rotore con un angolo di attacco diverso da zero gradi che esercita delle forze rotanti nell'aria circostantee di conseguenza un rumore dovuto alla pala che si propaga generalmente in direzione perpendicolare al piano del rotore),   
altro tipo di rumore prodotto come quello appena descritto, è quello prodotto dal rotore di coda che è molto simile a quello prodotto dal rotore principale escluso il fatto che essendo posto in coda risente in maniera differente anche dell'interazione aerodinamica con il flusso di aria prodotto dal rotore principale; altra tipologia di rumore è quella prodotta dai propulsori dell'elicottero in cui quello che viene emesso dal motore a turbina (Turboshaft) è principlamente composto da rumore rotazionale dovuto al compressore radiale e/o assiale e dagli stadi della turbina, dal rumore a banda larga generato dalla camera di combustione.
Il rumore prodotto dal compressore assiale del propulsore è tipicamente ad alta frequenza e viene irradiato dall'ingresso del medesimo attenuandosi rapidamente attraverso l'atmosfera circostante, mentre il rumore prodotto dallo scarico del propulsore ha una caratteristica a banda larga che diventa predominante quando l'elicottero sorvola l'osservatore in quanto in questa situazione il rumore prodotto dal rotore principale diventa meno predominante. 
I motori a pistoni vengono utilizzati principalmente su elicotteri di piccole dimensioni, e possono rappresentare la principale sorgente di rumore per questo tipo di velivoli. Il rumore prodotto allo scarico è generalmente predominante ed è generalmente composto da rumore a banda larga con i livelli più alti alle basse frequenze; infatti in questo tipo di propulsore lo spettro in frequenza del rumore allo scarico prodotto contiene forti componenti tonali associate con l'ordine di accensione dei cilindri dello stesso per cui diventa importante un controllo del rumore da operare con silenziatori di tipo reattivo.
Oltre ai contributi individuali delle varie sorgenti di rumore appena descritte, allo spettro del rumore totale percepito al suolo, occorre considerare che tale rumore percepito differisce in maniera considerevole dipendendo non solo dalle condizioni di volo ma anche dalla posizione dell'osservatore; sebbene il controllo del rumore globale prodotto dall'elicottero rappresenti un problema molto complesso, numerose sono le ricerche in campo mirate principalmente al controllo di tutte le sorgenti di rumore individuali sai in ambito di rumore aereo che vibrazionale che interessano la geometria delle pale, l'aeroacustica etc. Il nostro Studio Tecnico d'Ingegneria pensa che sia 
indispensabile condurre un programma di ricerca e sviluppo relativamente ai silenziatori di tipo reattivo per sistemi di aspirazione e di scarico e per il miglioramento acustico delle condizioni all'interno della cabina; tale miglioramento acustico oltre alla scelta di idonei rivestimenti fonoisolanti e fonoassorbenti, si potrebbe ottenere in maniera sperimentale analizzando le risonanze modali all'interno della cabina e con l'ulteriore l'analisi vibro-acustica sperimentale del rumore trasmesso attraverso le strutture da operare con Laser scanning Vibrometer ed analisi FFT della funzione di trasferimento ottenibile con Analizzatore FFT multicanale collegato sia ai microfoni posizionati internamente alla cabina stessa che al segnale proveniente in ingresso dallo Shaker elettrodinamico che alimentato da un generatore di rumore bianco mette in eccitazione tutta la struttura e consenta una volta ottenuta tale funzione di trasferimento di operare tutte le necessarie modifiche strutturali per ridurre al minimo il rumore immesso in cabina e dovuto a trasmissione vibrazionale e con l'analisi modale anche quello trasmesso per via aerea.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu